Venerdì, 15 Novembre 2019, 02:20

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

INCONTRO SUL BILINGUISMO A TRIESTE

Articoli correlati

Conoscere le buone prassi e cercare sinergie per il futuro. Sono stati questi gli intenti dell’incontro svoltosi giovedì scorso a Trieste, alla presenza di Pierpaolo Roberti, Assessore regionale del FVG alle Autonomie locali, tra una rappresentanza dei Comuni costieri e della CAN, composta da Linda Rotter, vicepresidente della CAN costiera, Andrea Bartole, Consigliere comunale a Pirano e presidente della locale CAN e da Nada Zajc, traduttrice per la lingua italiana, responsabile della Collaborazione internazionale presso il Comune di Pirano, con l’Ufficio centrale per la lingua slovena presso la Regione Friuli Venezia Giulia. A illustrare il funzionamento della struttura è stata la sua responsabile, Erika Hrovatin, assieme alle traduttrici e interpreti Fedra Paclich, Laura Sgubin e Tanja Sternad. L’incontro ha avuto scopo conoscitivo e per capire meglio le modalità di funzionamento dell’Ufficio per la lingua slovena. È stato rilevato che hanno impostato una rete con tutti i comuni bilingui del territorio – dove funzionano anche degli sportelli per la lingua slovena – tramite un software in cui vengono inseriti i documenti in sloveno e le traduzioni degli atti che vengono condivisi. Inoltre, hanno creato dei gruppi di traduzione per diversi ambiti (atti pubblici, contabilità etc.) con esperti dei vari settori. Al termine del proficuo colloquio è stata impostata una futura, possibile collaborazione, comprendente in una prima fase lo scambio di traduzioni di termini tecnici. In seguito i rappresentanti delle CAN e dei Comuni costieri potrebbero prendere parte ai gruppi di lavoro a Trieste. Altra forma di interazione potrebbero essere delle tavole rotonde di confronto sulle traduzioni, con scadenza ancora da definire.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati