Venerdì, 15 Novembre 2019, 02:19

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

IL TUTORE CIVICO IN VISITA ALLA CAN COSTIERA

Articoli correlati

Il tutore civico sloveno, Peter Svetina e i suoi collaboratori hanno fatto visita mercoledi mattina alla CAN Costiera. Ha conferito con il deputato al Parlamento di Lubiana, Felice Žiža, con il Presidente Alberto Scheriani e la sua vice, Linda Rotter, nonché con il Presidente della CAN capodistriana, Fulvio Richter. Nel corso del cordiale incontro, durato oltre un’ora, sono stati esaminati i principali problemi che affliggono la Comunità nazionale italiana in Slovenia. Svetina, in carica da circa sei mesi, ma che nel mandato precedente era vice ombudsman, ha rilevato: “Abbiamo preso atto dei punti ancora aperti nella realizzazione dei diritti acquisiti della Comunità nazionale, che ci sono stati illustrati dai suoi massimi esponenti. Abbiamo constatato che vi sono problemi nell’uso dell’italiano nella vita pubblica e in seno alle istituzioni statali. Lo faremo presente nelle sedi competenti. Servirebbero incontri bilaterali più frequenti, come minimo una volta all’anno”. Soddisfatta è apparsa la rappresentanza della CNI. “All’ombudsman abbiamo segnalato la forte discrepanza tra le norme giuridiche e la loro applicazione nel comparto dei diritti minoritari. Si è parlato dei posti di lavoro dov’è possibile usare prevalentemente la lingua italiana, che ormai scarseggiano. È intenzione della CAN lavorare per migliorare la posizione della Comunità nazionale italiana sul territorio. Indubbiamente incontri regolari con il tutore civico con scadenza annuale, potrebbero essere utili. Informazioni capillari sui problemi saranno ora più semplici grazie al canale diretto aperto” ha dichiarato il presidente Scheriani. Il deputato, Felice Žiža, invece ha rimarcato: “Il tutore civico è importante per la soluzione dei nostri problemi. Il compito non è certamente facile, ci vuole tempo e impegno, ma bisogna insistere. Importante sarà incontrare i dirigenti delle varie istituzioni sul territorio per ribadire l’importanza del bilinguismo e indicare le norme che ne impongono l’attuazione”.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati