Venerdì, 15 Novembre 2019, 02:17

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

VISITA DELLA DELEGAZIONE DEL CONSIGLIO D’EUROPA

Articoli correlati

Una delegazione del Consiglio d’Europa, guidata da Beate Sibylle Pfeil, ha incontrato a Palazzo Gravisi- Buttorai i rappresentanti delle istituzioni della Comunità Nazionale Italiana del territorio. Presenti all’incontro Alberto Scheriani, presidente della Comunità autogestita costiera della nazionalità Italiana con la vicepresidente, Nadia Zigante e il segretario Andrea Bartole, il presidente dell’Unione Italiana, Maurizio Tremul, Aleksandro Burra e Guido Križman, consulente pedagogico presso l’Istituto dell’educazione di Capodistria. All’ordine del giorno la situazione inerente all’attuazione dei contenuti della Carta europea delle lingue regionali o minoritarie e i passi da intraprendere affinché l’importante documento internazionale venga rispettato in tutti i suoi punti. Al termine il presidente Scheriani circa i colloqui ha rilevato: “Abbiamo sottolineato che sono stati fati passi avanti, nel settore scolastico, mentre per quanto riguarda i mass media notiamo che le cose peggiorano invece di migliorare. Riscontriamo l’interesse dello Stato sloveno per migliorare il bilinguismo, ma la discrepanza tra le leggi e la loro attuazione è notevole. I problemi trattati sei anni fa sono ancora attuali. Cercheremo di applicare le raccomandazioni che verranno fatte e faremo notare al governo le manchevolezze. Sarà necessario avviare un dialogo con l’esecutivo per costruire un domani migliore”, ha dichiarato Alberto Scheriani, presidente della CAN costiera della nazionalità italiana. I rappresentanti del Consiglio d’Europa hanno precisato di aver raccolto informazioni utili, che verificheranno durante gli incontri previsti a Lubiana.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati