Mercoledì, 21 Aprile 2021, 17:38

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria

APPROVATI I FINANZIAMENTI PER IL BILINGUISMO

Articoli correlati

Il decreto sul cofinanziamento del bilinguismo nei Comuni nazionalmente misti per il 2021 è stato approvato dal Governo sloveno. Si tratta di sovvenzioni annuali di grande importanza per l'attuazione dei diritti costituzionali delle Comunità nazionali italiana e ungherese. I contributi vanno a 9 comuni e precisamente a Capodistria, Ancarano, Isola, Pirano, Lendava, Moravske Toplice, Dobrovnik, Hodoš e Šalovci per coprire le spese derivanti dalle norme specifiche sulle etnie italiana e ungherese, nei territori nazionalmente misti. I contributi ammontano a circa 2 milioni di euro e questa volta presentano un leggero aumento, deterrninato dal ritocco della spesa pro capite riconosciuta alle amministrazioni locali. Devono essere usate dai Comuni per contribuire a coprire le spese aggiuntive, specifiche soltanto per i territori d’insediamento storico degli italiani e degli ungheresi in Slovenia. Il presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, ha espresso soddisfazione per le sovvenzioni che prevedono- ed è una novità- anche la possibilità di usarle, in parte, per gli investimenti. “Lo chiedevamo da molto tempo per poter far fronte a quelle che sono le necessità delle Comunità autogestite della nazionalità italiana. Finalmente le nostre istanze sono state recepite e trasformate in decreto” ha aggiunto il prof. Scheriani.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati