Mercoledì, 21 Aprile 2021, 18:28

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Approvo

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l'utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l'utilizzo del Web sarebbe un'esperienza molto più frustrante.

I cookie vengono utilizzati per vari scopi. Li utilizziamo, ad esempio, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati.

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Via Župančič 18
6000 Capodistria

VISITA AL MINISTERO DELL'ISTRUZIONE

Articoli correlati

Il deputato alla Camera di Stato, Felice Žiža e il Presidente della CAN Costiera, Alberto Scheriani, hanno fatto visita ai funzionari del Ministero dell'istruzione per esaminare i problemi aperti nel comparto scuola per la Comunità nazionale italiana. Hanno conferito con il Segretario di Stato, Damir Orehovec, responsabile delle scuole elementari e medie, nonchè con il Direttore dell'Ente per l'istruzione sloveno, Vinko Logaj. Dai colloqui è emersa la futura impostazione delle attività per migliorare le condizioni di lavoro e di studio negli istituti italiani della fascia costiera. “Con gli interlocutori abbiamo affrontato la realizzazione della già concordata assunzione di due nuovi consulenti pedagogici per le scuole italiane del capodistriano. Il relativo bando di concorso sarà emesso in aprile e con l'inizio del nuovo anno scolastico i due consulenti pedagogici entreranno in carica. Il Ministero dell’Istruzione curerà le formalità necessarie. Lo stesso dicastero ha dimostrato sensibilità per risolvere il problema della traduzione dei programmi di studio e delle varie materie. I funzionari dell’esecutivo hanno garantito che esistono i mezzi necessari per fornire le documentazioni in lingua italiana. Con il parlamentare Žiža, abbiamo sottolineato l’importanza dei programmi di studio in italiano, per non oberare ulteriormente i docenti, finora costretti a tradurre da soli i materiali necessari” ha rilevato il presidente Scheriani.

Le più lette

Articoli correlati

Altre notizie

Notizie recenti

Info-libro

Articoli correlati