Ponedeljek, 25 Januar 2021, 04:18

OPOZORILO! Naša spletna aplikacija uporablja piškotke.

Sprejmi

Piškotki so majhne datoteke, ki jih naložimo na vašo napravo, z namenom izboljšanja uporabniške izkušnje. Preberi več

Piškotki, ki jih uporabljamo za delovanje portala, v nobenem primeru ne škodijo ne Vam, ne Vašemu računalniku. Omogočajo izdelavo dokumentov preko pametnih e-obrazcev, merjenje statistike obiska, delovanje partnerskega (affiliate) programa, oglaševanja, deljenja vsebin preko družbenih omrežij in komunikacijo z Vami. Predvsem pa omogočajo boljšo in lažjo uporabo portala za Vas kot uporabnika. Prosimo potrdite ali se strinjate z uporabo piškotkov na naši strani (kliknite spodnji gumb Sprejmi).

00386/5/627-9150
00386/5/627-4091
Župančičeva ulica 18
6000 Koper - Capodistria

IL TUTORE CIVICO IN VISITA ALLA CAN COSTIERA

Podobne novice

Il tutore civico sloveno, Peter Svetina e i suoi collaboratori hanno fatto visita mercoledi mattina alla CAN Costiera. Ha conferito con il deputato al Parlamento di Lubiana, Felice Žiža, con il Presidente Alberto Scheriani e la sua vice, Linda Rotter, nonché con il Presidente della CAN capodistriana, Fulvio Richter. Nel corso del cordiale incontro, durato oltre un’ora, sono stati esaminati i principali problemi che affliggono la Comunità nazionale italiana in Slovenia. Svetina, in carica da circa sei mesi, ma che nel mandato precedente era vice ombudsman, ha rilevato: “Abbiamo preso atto dei punti ancora aperti nella realizzazione dei diritti acquisiti della Comunità nazionale, che ci sono stati illustrati dai suoi massimi esponenti. Abbiamo constatato che vi sono problemi nell’uso dell’italiano nella vita pubblica e in seno alle istituzioni statali. Lo faremo presente nelle sedi competenti. Servirebbero incontri bilaterali più frequenti, come minimo una volta all’anno”. Soddisfatta è apparsa la rappresentanza della CNI. “All’ombudsman abbiamo segnalato la forte discrepanza tra le norme giuridiche e la loro applicazione nel comparto dei diritti minoritari. Si è parlato dei posti di lavoro dov’è possibile usare prevalentemente la lingua italiana, che ormai scarseggiano. È intenzione della CAN lavorare per migliorare la posizione della Comunità nazionale italiana sul territorio. Indubbiamente incontri regolari con il tutore civico con scadenza annuale, potrebbero essere utili. Informazioni capillari sui problemi saranno ora più semplici grazie al canale diretto aperto” ha dichiarato il presidente Scheriani. Il deputato, Felice Žiža, invece ha rimarcato: “Il tutore civico è importante per la soluzione dei nostri problemi. Il compito non è certamente facile, ci vuole tempo e impegno, ma bisogna insistere. Importante sarà incontrare i dirigenti delle varie istituzioni sul territorio per ribadire l’importanza del bilinguismo e indicare le norme che ne impongono l’attuazione”.

Najbolj brane

Podobne novice

Drugo

Zadnje novice

Info-libro

Podobne novice